Punti di vista

Christo, ovvero l’arte di fare affari

Più che l’arte per l’arte, gli affari sono affari. E quando una giovane giornalista s’azzarda a chiedere a Christo quale sia il valore simbolico delle sue opere, lui taglia corto e, con sguardo beffardo, risponde: “Non mi interessa il valore simbolico, quello che so è che i bozzetti preparatori per la passerella sul lago d’Iseo […]

Convivere con il terrore

Ieri mattina, salito sul vagone della metro di Milano della linea rossa che da Loreto mi porta alla fermata Turro, mi sono scoperto a indagare con lo sguardo sul contenuto delle borse e dei sacchetti della spesa dei miei vicini di tragitto extracomunitari, spesso la stragrande maggioranza degli utenti dei mezzi pubblici. Un’attività inutile ho […]

Pantani, le frasi fatte e i luoghi comuni

La storia di Pantani, quella vera e non quella che ci hanno raccontato, è già tutta scritta e non c’è bisogno dell’ennesimo colpo di scena per ribadire che qualcuno ha voluto la fine del ciclista, preludio del tragico epilogo dell’uomo. Oggi è la camorra (già si sapeva) a finire nel mirino per un giro di […]

A 30 all’ora trent’anni dopo

Già trent’anni fa si era in ritardo, figuriamoci oggi. Nel frattempo siamo riusciti ad asfaltare un’altra buona fetta di ciò che resta della bella Italia, realizzando autostrade che vanno deserte (vedi Brebemi, con appelli agli automobilisti perché si ricordino che da Brescia a Milano e viceversa c’è pure questa possibilità), altre sventandole per un soffio […]

La tirannia delle app

NEGLI INTERMINABILI e solitari pomeriggi estivi dell’adolescenza, quelli che poi si finiscono per rimpiangere quando si entra nell’era degli anta, avevo scoperto un modo per togliermi di dosso quel senso di insopportabile apatia confinante con la depressione: mi infilavo le scarpe da tennis e mi buttavo correndo lungo le strade che da casa mi portavano […]

Gli occhi di Tamara de Lempicka

Lo sguardo rivolto verso un altrove indefinito, i tessuti dal disegno geometrico ad incorniciare il volto che da semplice ritratto si trasforma in figura complessa e armoniosa quindi in opera d’arte. È l’ultima foto di Tamara de Lempicka che anche in questo scatto non si smentisce e riafferma quanto sempre sostenuto nel corso di ottanta, […]

La repubblica degli chef

“Continuo a scrivere articoli che durano il tempo di una cagata e nulla di più”. La battuta viene dal leggendario Il Grande Freddo, film del 1983 di Lawrence Kasdan, ed è l’attore nei panni del giornalista della carta stampata (Jeff Goldblum, citato per meriti attribuibili solo alla rete, come d’altronde la data della pellicola) a […]

La morte dell’orsa e gli inutili litiganti

Piangere per l’orsa Daniza è come spendere lacrime per la morte della madre di Bambi, uccisa da un colpo di fucile sparato da un cacciatore nel film di Disney. Certo, meglio essere sensibili piuttosto che cinici o indifferenti, anche se i mass media raccontano storie a immagine e somiglianza di quelle confezionate a Hollywood. Ciò […]

Renzi e la tela del ragno

Renzi altrimenti detto Tina, ovvero There Is No Alternative. L’ultima freccia avvelenata l’ha scoccata Massimo Cacciari che in un’intervista gli ha affibbiato il nomigliolo con il quale era stata ribattezzata Margaret Thatcher. Pochi giorni prima dalla Festa de L’Unità di Bologna si era fatto sentire Massimo D’Alema, poi è venuto il turno di Michele Serra […]

I Bronzi di Milano

Che bisogno abbiamo di scomodare quelli di Riace quando abbiamo già quelli di Milano? Chi meglio di Bobo e di Vittorio per Expo 2015? Finiamola con questi richiami al nostro trapassato remoto e con coraggio rappresentiamo tutta la nostra modernità. D’altronde ci devono essere ragioni più che valide se l’uno e l’altro viaggiano in coppia […]

Quelli che non sopporto proprio

Quelli che a me non piacciono proprio e non mi potranno mai piacere sono soprattutto quelli che dicono una cosa e ne fanno un’altra. Ma anche quelli che agitano le scope e invocano pulizia per poi continuare a vivere nella sporcizia. E poi quelli che si ergono a paladini della giustizia sociale fingendo di non […]

I numeri dell’Olanda

In un’epoca molto lontana, su per giù nei primi anni Settanta, per capire se un giovane poteva aspirare a diventare un calciatore vero ciò che contava erano i numeri. Altezza media, bacino possibilmente basso, ma soprattutto a sorreggere il tutto doveva esserci un autentico piedino. Ideale un 39/40, già il 42 ti relegava a ruoli […]