Notizie di poesia

Emily Dickinson e il sole

VEDI I VIDEO "Ora ti dico come vidi il sole" , Tre poesie: "I'll tell you how the Sun rose", "I am nobody" e "If I can stop one heart" , "Dopo un grande dolore" , Piccola antologiaThe Poet in Her Bedroom , "Sono consapevole nella mia stanza"

Firenze, 15 maggio 2017 – Ricordando che il 15 maggio 1886 moriva a Amherst, nel Massachusetts, la grande Emily Dickinson.

Per pochi altri poeti come per Emily Dickinson valgono e trovano compimento in un'opera le ipotesi formulate da Montale in una intervista del 1972: ipotesi secondo le quali "solo gli isolati comunicano". Parole che anche un altro importante poeta italiano del Novecento, Andrea Zanzotto, ha fatto proprie, elevandole nel suo stesso biografico consistere a Pieve di Soligo, un paese del trevigiano con il suo paesaggio, a condotta di vita e inverandole, quel che più conta, in una produzione letteraria complessa quanto decisiva, implicante e determinante.

Ed è così che anche Zanzotto, articolando sinteticamente il discorso su base testimoniale, può illustrarci in maniera esemplare il paradosso dell'atto poetico, "originato – sue parole cui non mi para ci sia niente da togliere o aggiungere – da un estremo sentimento della irripetibilità, dell'unicità proprie dell'individuale, ma anche di un prepotente senso di necessità di partecipare ad altri questa 'unicità' e di riceverne quella altrui". Il poeta colto sul crinale tra io e mondo della sua espressione, del suo pressante bisogno di affidarsi a parole ogni volta osmoticamente avvertite, miracolo dell'arte, sue e non sue.

Di tutto questo l'opera di Emily Dickinson, qui mirabilmente rappresentata da un testo come I'll tell you how the Sun rose, costituisce una prova inconfutabile, perfettamente in se stessa risolta e come tale ancor oggi universalmente riconoscibile, da affiancare per bellezza e verità alla certificazione che proprio della solitudine la poetessa americana ci ha lasciato in una delle sue lettere (spesso poesia pura anch'esse): "Dipingerei un quadro capace di commuovere fino alle lacrime, se avessi la tela adatta, e la scena sarebbe la solitudine, e le figure solitudine, e in ogni luce, ogni ombra una solitudine. Potrei empire una sala di paesaggi così pieni di solitudine che gli uomini vi sosterebbero davanti a piangere, e poi si affretterebbero verso le loro case, grati di ritrovarvi un essere amato".

Marco Marchi

Ora ti dico come vidi il sole

Ora ti dico come vidi il sole
nascere: un nastro dopo l’altro,
nuotavano le guglie in ametista –
correvano, scoiattoli, le novità del giorno –
Le colline si sciolsero la cuffia –
il bobolinco incominciò a cantare –
Allora sussurrai dentro di me:
“Non può essere che il Sole!”
Ma come se ne andò non ti so dire –
una scala di porpora sembrava
su cui s’arrampicavano di corsa
schiere di bimbi del color dell’oro –
Quando giunsero al sommo ecco d’un tratto
un precettore dall’abito grigio –
gentile pose le sbarre alla sera
e guidò la brigata via, lontano.

(traduzione di Silvio Raffo)

I'll tell you how the Sun rose

I'll tell you how the Sun rose –
A Ribbon at a time –
The Steeples swam in Amethyst –
The news, like Squirrels, ran –
The Hills untied their Bonnets –
The Bobolinks – begun –
Then I said softly to myself –
"That must have been the Sun"!
But how he set – I know not –
There seemed a purple stile
That little Yellow boys and girls
Were climbing all the while –
Till when they reached the other side,
A Dominie in Gray –
Put gently up the evening Bars –
And led the flock away –

Emily Dickinson

(da Le più belle poesie, Crocetti Editore)

Seguici anche sulla Pagina Facebook del Premio Letterario Castelfiorentino
e sulla pagina personale https://www.facebook.com/profile.php?id=100012327221127

ARCHIVIO POST PRECEDENTI

Le ultime NOTIZIE DI POESIA

NOTIZIE DI POESIA 2012 , NOTIZIE DI POESIA 2013 , NOTIZIE DI POESIA 2014 , NOTIZIE DI POESIA 2015 , NOTIZIE DI POESIA 2016 , NOTIZIE DI POESIA gennaio-marzo 2017 , NOTIZIE DI POESIA aprile 2017

comments powered by Disqus