Diritto di Cronaca

“Con l’Alta Velocità restiamo in stazione”

A SEGUITO della super inaugurazione dell’Alta Velocità Milano-Brescia, sono arrivate le novità di servizio e di orario per i pendolari e per i viaggiatori del trasporto regionale. Non gioisce Brescia, dove i pendolari si accalcheranno sui restanti treni regionali, a seguito della sostituzione delle Frecce Bianche con Frecce Rosse. Non gioisce Bergamo perché a causa dell’arrivo dell’AV, i treni per Bergamo da Milano Centrale (e quelli via Pioltello da Porta Garibaldi) partiranno con un anticipo di 5 minuti. Lucia Ruggiero, Comitato Pendolari Bergamaschi

CINQUE MINUTI. Pare una inezia. Nel seguito della sua mail Lucia Ruggiero spiega, perché a parere suo e dei pendolari bergamaschi, non è così. Per chi viaggia ogni giorno in treno il concetto di “tempo” va calato in una realtà particolare, spesso difficile. Quella esigua manciata di tempo significa coincidenze saltate e conseguenti attese. «Se non fosse - scrive Lucia - che questi 5 minuti garantivano coincidenze prese da tutti i viaggiatori che arrivavano a Centrale con un Freccia Rossa da Roma o con un Malpensa Express o per i pendolari che prendevano ‘a filo’ il treno per Bergamo, cambiando da un suburbano a Pioltello.

I viaggiatori si facciano pure un giretto di shopping da 60 minuti in Centrale o optino per il nuovo treno Bergamo-Roma. I pendolari sborsino decine di euro di più e si accalchino sulle metropolitane. Auguri a tutti, del resto è Natale. E c’è di più. I 5 minuti di anticipo destabilizzano completamente la cosiddetta ‘simmetria oraria’ di un sistema che assicurava ai treni per Bergamo una percorrenza di 48 minuti (già fin troppo dilatata a nostro parere), la percorrenza della linea Alta Capacità e un generale ‘equilibrio’ che permetteva, in una situazione normale, il rispetto dell’orario».

Domanda di Lucia Ruggiero: «Dovremo dire addio alla puntualità già fin troppo precaria? Dovremo abituarci a rientri a casa ‘di fuoco’? Ancora non lo sappiamo per certo, ma abbiamo grandi preoccupazioni». Il Comitato Pendolari Bergamaschi lancia una iniziativa e mette a disposizione di tutti i viaggiatori una pagina online per segnalare i disagi legati al nuovo orario ferroviario. La pagina è sul sito https://quellideltreno.com/2016/12/11/nuovo-orario-ferroviario-segnalaci-i-tuoi-disagi/ «Monitoreremo - conclude la pendolare bergamasca - per qualche mese, prima di far avere un nostro resoconto puntuale a Rete Ferroviaria Italiana, Trenord e Regione Lombardia. Ci teniamo a ricordare a tutti i pendolari che Rfi ci promise che il sistema della puntualità sulla Milano-Bergamo avrebbe retto, che la percorrenza sulla cosiddetta ‘Linea Veloce’ (Alta Capacità) sarebbe stata mantenuta, che i ritardi sarebbero stati minimi. Ora è tempo di arrivare alla prova del nove. Vedremo se tutto ciò è vero e se tutto funzionerà in modo stabile». gabrielemoroni51@gmail.com

comments powered by Disqus