Il Milan!

Crotone – Milan 1-1: ora arriva il bello

Montella aveva strigliato la squadra dopo l'Empoli? Ebbene, fosse vero non è servito a nulla. La squadra ha sbagliato l'approccio alla partita subendo contro il Crotone. Donnarumma ha salvato il risultato in apertura dei due tempi, però non ha potuto nulla contro Trotta che ha portato avanti i calabresi al decimo. Nel primo tempo il Milan non si vede. Al minuto 38 i tiri in porta sono zero! Questa volta non posso neppure prendermela con Bacca che era in panchina. In campo Lapadula lotta contro tutti ma non ha nessun supporto. Kucka è in giornata no, Locatelli un anonimo mentre profonde grande impegno Mati Fernandez. Con Deulofeu che non punge e Suso largo che spesso si perde in se stesso, segnare o essere pericolosi è impossibile.
Montella contro l'Empoli aveva lamentato sfortuna per i molti tiri in porta non realizzati, a Crotone non avrà neppure questa recriminazione. Di fatto è una pena totale.
Nella ripresa arriva il pareggio di Paletta in mischia e, con il calo fisico del Crotone, qualche occasione. Montella prova a mischiare un po' le carte ma se mancano le idee puoi avere in campo anche Djeko che non cambierà nulla. I gol, tutti dei difensori nelle ultime partite, arrivano non su azione né su schemi.
Il Milan segna poco e ha sbagliato ancora l'approccio. Montella deve imparare a caricare la squadra. Con Conte, Mourinho o Capello, per non parlare di Sacchi, i giocatori entrano come leoni affamati in un recinto di pecore. Invece i giocatori di Montella si permettono sufficienza. Montella ci ha messo oltre 30 partite per capire che in avanti è meglio, a parità di pensa realizzativa, avere una punta che tenga la palla e lotti.
La nuova proprietà ha detto che l'Europa è imprescindibile in compenso il contratto di Montella è ancora non rinnovato e i piani per il futuro ovviamente vaghi. Quello che nel presente mi infastidisce vedere è la fascia di capitano a Zapata (ma datela a Gigio).
13 punti in cinque partite contro i sei del girone di ritorno con le stesse squadre di bassa classifica la dicono lunga. Ora che le partite facili sono finite ci sarà da ridere. Arrivano Roma e poi si va a Bergamo con l'Atalanta. Serve realmente una reazione e punti in classifica. Vediamo quello che valgono questi giocatori.

comments powered by Disqus