Notizie di poesia

I ‘fior d’oscurità’ di Carlo Betocchi. ‘All’amata’

VEDI IL VIDEO "Canti dell'ansia e della gioia" di Carlo Prosperi su testi di Betocchi

Carlo Betocchi

Firenze, 17 dicembre 2012 – Sfatando il mito (avallato peraltro dal pauperismo a sfondo religioso dell'autore) di un Betocchi poeta semplice, solo per dono, e a favore invece di una sua interpretabilità in una chiave «culta» e manieristica, misticamente accesa e letterariamente intraducibile fino all'ermetismo e persino, come qui, su tema amoroso, al petrarchismo, secondo acute intuizioni di un lettore d'eccezione di Betocchi come Pier Paolo Pasolini...

Un lettore appassionato di Betocchi, Pasolini, disposto a commuoversi, leggendo poesie del poeta di Realtà vince il sogno, fino alle lacrime. Così, testualmente, in uno degli articoli apparsi negli anni Settanta su «Tempo», poi raccolti in un libro di alta saggistica letteraria, poetico anche nel titolo come Descrizioni di descrizioni (libro apparso postumo a cura di altri, ma per il quale Pasolini aveva già pronta un'epigrafe, un distico che dice, rimandando all'elaborazione allora in corso di Petrolio e più esplicitamente a Scritti corsari: «Nei saggi ideologici ci metto il mio senso comune: / solo per quelli poetici, oh Tetis, il mio acume»)...

E il titolo stesso dell'opera prima di Betocchi Realtà vince il sogno, infine, non appare poeticamente consentaneo e  fraternamente sintonico alla sensibilità pasoliniana? Un incontro ineludibile all'insegna del sacro (del senso del sacro in ambedue i poeti fortissimo, artisticamente fondante), quasi una predestinazione...

Marco Marchi 

All’amata

I fior d’oscurità, densi, che odorano
dove tu sei, s’aggirano nell’ombra,
un’altra luce sento che m’inonda
queste pupille che l’ombra violano.

Quale tu sei, non so; forse t’adorano
le cose antiche in me, tutto circonda
te in un giardino dove i sensi all’ombra
tornano ad uno ad uno che ti sfiorano.

L’esser più soli, e l’aggirarsi dove
tu non sei più, od in remota stanza
dentro al mio petto, quando lento piove

l’amor di te che oltre di te s’avanza,
forse sarà per questo il dir d’amore
più dolce dell’amore che ci stanca.

Carlo Betocchi 

(da Altre poesie, 1939, ora in Tutte le poesie)

Leggi i post correlati Quali spazi e silenzi. Un 'notturno' di Carlo Betocchi , Premi. Il 'Betocchi-Città di Firenze' 2012 a Mariella Bettarini , Cronache fiorentine. Betocchi, un premio e l'onore ritrovato , Onore anche a Betocchi , Misconosciuto Betocchi

ARCHIVIO POST PRECEDENTI

Futurismo e immoralismo. I fiori lascivi di Aldo Palazzeschi (post per soli adulti)   I fiori simbolisti di Pascoli. 'Digitale purpurea'   Dintorni della poesia. 'Racconti per la pace' dedicati a Terzani   I fiori simbolisti di Pascoli. 'Il gelsomino notturno'   Nelle foreste della notte. 'La tigre' di William Blake   Giovani per davvero: Federico Berlincioni   Compleanno Dickinson (Amherst, Massachusetts, 10 dicembre 1830). 'Morii per la Bellezza'   'Io poeta notturno'. Campana e la Chimera   A tarda notte. 'La sera del dì di festa' di Leopardi   Auguri a Maria Luisa Spaziani   Quali spazi e silenzi. Un 'notturno' di Carlo Betocchi   Il mitico 'notturno' del mitico Alcmane   Compleanno Rilke (Praga, 3 dicembre 1875). 'Sonetti a Orfeo', I   Anniversario Pozzi (Milano, 3 dicembre 1938). 'Confidare'   Premi. Il 'Betocchi-Città di Firenze' 2012 a Mariella Bettarini   La vita dell'Omo' secondo Giuseppe Gioachino Belli

NOTIZIE DI POESIA aprile-agosto 2012 , settembre 2012 , ottobre 2012 , novembre 2012

comments powered by Disqus